An icon in the menu bar (or press a hotkey) to switch to the AirPods.

A Ben Bajarin le nuove AirPods di Apple sono piaciute molto; non solo come cuffiette con cui ascoltare la musica, ma soprattutto come metodo d’interazione con Siri:

It is remarkable how much better Apple’s Siri experience is with AirPods. In part because the microphones are much closer to your mouth and, therefore, Siri can more clearly hear and understand you. I’m not sure how many people realize how many Siri failures have to do the distance you are from your iPhone or iPad, as well as ambient background noise and the device’s ability to clearly hear you. Thanks to the beam forming mics and some bone conduction technology, Siri with the AirPods is about as accurate a Siri experience I’ve had. In fact, in the five days I’ve been using the AirPods extensively, I have yet to have Siri not understand my request.

Going further, the noise canceling built into the AirPods is impressive as well. I’ve intentionally created noisy environments to test the AirPods and Siri to see how it handles loud situations. Perhaps the most intense was when I turned my home theater system to nearly its peak volume, blasted Metallica and activated Siri. Remarkably, it caught every word and processed my request.

Come nota Ben, Siri suppone tuttora che l’utente si trovi vicino o abbia a disposizione uno schermo – dato che a molte richieste risponde di dare uno sguardo all’iPhone.

Sarà interessante osservare gli sviluppi futuri di Siri, che dovrebbe somigliare di più ad Alexa e Google Home: due sistemi privi di alcuna interfaccia grafica, che prevedono che l’utente non venga distratto da schermi. Mentre Siri su un Mac o un iPhone è infatti un’aggiunta interessante, su AirPods è l’unico sistema d’interazione.

Le AirPods, senza cavi e senza bottoni

Oltre a non avere cavi le AirPods non hanno alcun bottone. Non hanno un bottone per il pairing con il device, dato che grazie al chip W1 dovrebbero essere in grado di auto-abbinarsi al dispositivo del momento [1. C’è un bottone ma sul case: quel bottone permette di abbinarle a altri dispositivi non Apple, perdendo però i vantaggi dati dal chip W1]. Non hanno un bottone per spegnerle o accenderle; ma si accendono se portate alle orecchie o spengono se rimosse. Non hanno un bottone per metterle in pausa; ma interrompono automaticamente la riproduzione di un brano se una qualsiasi viene rimossa dall’orecchio. Di fatto, non hanno comandi audio di alcun tipo, né per controllare il volume, né per saltare un brano.

L’unica cosa che si può fare sono due tap, su una qualsiasi delle cuffie: rispondono a una chiamata o invocano Siri.

Quindi “alza il volume” o “abbassa il volume”, invece di un bottone. Una cosa che proprio non mi vedo usare: aggiusto l’audio delle cuffie in continuazione, in maniera quasi ossessiva, a seconda del brano o di ciò che sto guardando. Mi rendo anche conto che di frequente aggiusto il volume dell’audio dall’iPhone o dall’Apple Watch, più che dalle cuffie, quindi spero facciano leva su questo uso più che sui comandi vocali.