pointerIl passaggio che il NYT ha rimosso dal suo articolo sull’FBI e Apple

Per qualche ragione, il New York Times ha rimosso uno dei passaggi più importanti dalla sua storia sull’FBI e Apple (qui il riassunto di Bicycle Mind): quello riguardo le conseguenze che l’inserimento di una back door avrebbe per altri Paesi fuori dagli Stati Uniti. In particolar modo, scriveva il New York Times, la Cina è particolarmente interessata all’esito di questa vicenda — se si concludesse a favore dell’FBI potrebbe a sua volta avanzare richieste simili.

Il passaggio è questo:

China is watching the dispute closely. Analysts say the Chinese government does take cues from United States when it comes to encryption regulations, and that it would most likely demand that multinational companies provide accommodations similar to those in United States.

Last year, Beijing backed off several proposals that would have mandated that foreign firms providing encryption keys for devices sold in China after heavy pressure from foreign trade groups.

“… a push from American law enforcement agencies to unlock iPhones would embolden Beijing to demand the same.”

(via @Snowden)